FirstBorn_Still3

La sezione Animation Short Competition della XIX edizione del RIFF presenta una selezione unica di corti tutta da scoprire.

Il RIFF si prepara ad ospitare dieci corti animati di registi pluripremiati.

All’interno della particolare e attenta selezione di quest’anno troviamo First Born di Justin Bruce Lee, già vincitore del Miglior Corto Animato agli Independent Shorts Awards 2020, di Animazione del Mese al TMFF 2020 e di altri due premi all’Asian Cinematography Awards 2020, che esprime tutta la passione e la determinazione per le arti marziali. Inoltre, il pluripremiato Freeze Frame (Belgio) dell’animatrice Soetkin Verstegen: un mozzafiato corto sperimentale a metà tra l’assurdo e l’illusionismo. Dal Regno Unito arriva Heal, un corto dallo stile surrealista ispirato alle opere di Dalì dell’animatrice Ysabel Li (Congying Li), che comunica, attraverso metafore e simbolismi, un tentativo di fuga da una società opprimente. Un corto sperimentale e visionario direttamente dall’Italia è senza dubbio Memories di Stefano Bertelli, capace di catapultare lo spettatore in un immaginario costellato di ricordi e sensazioni mai provate prima. All’interno del programma troviamo poi il ceco Releasing Spell, di Markéta Magidová, ospitato in anteprima mondiale al Bucheon International Animation Film Festival in Corea del Sud lo scorso ottobre: un viaggio incantato attraverso la lotta contro gli stereotipi sociali contemporanei. Troviamo poi il commovente Sad Beauty, di Arjan Brentjes, che direttamente dall’Olanda è sbarcato al Raindance Film Festival di Londra in cui è attualmente nominato per Best Animation Short: una splendida rappresentazione della connessione tra una giovane donna e la natura che ama e rispetta. Poi l’affettuoso To The Dusty Sea di Héloïse Ferlay, uno splendido ritratto animato dell’affetto che caratterizza una madre e i suoi figli, meraviglioso nella sua semplicità.  Proseguiamo con il toccante Something Borrowed di Michaela Wozny, che direttamente dalla National Film and Television School ha ricevuto una nomination ai BAFTA LA Student Film Awards 2020. Troviamo inoltre The Parrot Lady, corto animato di Michalis Kalopaidis, fondatore del più grande Studio d’Animazione di Cipro, ispirato artisticamente alla vita di una donna che vive in compagnia dei suoi pappagalli. Infine Way of Sylvie di Verica Pospíšilová Kordić, anche lei dalla Repubblica Ceca, un cortometraggio che raffigura una realtà quotidiana in cui lo spettatore non farà fatica a rivedersi.

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Scopri le altre News di Riff

Il 3 dicembre al RIFF è “Love & Pride Day”, dedicato alla sensibilizzazione sulle tematiche LGBTQ con l’anteprima di “Asphalt Goddess” e l’anteprima europea di “7 Minutes”. Attesissima la masterclass di Lapo Gresleri sulla nuova scena black del cinema statunitense.

Si conclude il 3 dicembre il programma del RIFF – Rome Independent Film Festival online sumymovies.it con l’oramai tradizionale Love & Pride Day – Il valore della diversità. Grazie ad una selezione variegata ed inclusiva, il RIFF si propone di alimentare una consapevolezza sociale volta

Programma del 2 dicembre al RIFF: per i doc. italiani “Cicliste per caso” un on the road in bici attraverso gli USA, da Napoli “La Conversione” sulla vita dopo la prigione e per i lungometraggi “La Fortaleza” una finestra sul Venezuela. Spazio ai corti d’animazione provenienti da tutto il mondo

Alle 16.20 per i corti internazionali OsWorld di Philip Hedegaard Povlsen (Danimarca), Quand elle tombe di R. Dumont & A. Ryan (Canada), The handyman di Nicholas Clifford (Australia), The invasion di Dante Rustav (Uzbekistan), The woman of the house di Felipe Espinosa (Spagna). Alle 18.20