Metrajeencontrado4

FOUND FOOTAGE: La nuova frontiera del cinema indipendente

Il Found Footage è, in realtà, una vecchia pratica nella storia del cinema, che risale agli anni Venti e consiste nel montaggio di un metraggio preesistente in un nuovo contesto. Si tratta di una pratica utilizzata soprattutto nei documentari e nel cinema sperimentale. Tuttavia, il “metraggio trovato” non viene impiegato molto nel cinema spagnolo, dove è stato utilizzato solo sporadicamente e da pochi autori, fino al XXI secolo, epoca in cui si sta vivendo un vero e proprio boom del riciclaggio audiovisivo. La nuova piattaforma raccoglie, dunque, l’eredità spagnola di questa esperienza cinematografica e la ripropone al pubblico, sia attraverso nuove produzioni che per mezzo di lavori già avviati.
Scorrendo i titoli, si scoprono pezzi di gran valore che erano rimasti nascosti; gli appassionati potranno godere della loro singolarità. Tutto ciò grazie al recupero di formati in disuso, come il super 8, il 16 mm e il VHS, che oggi la rivoluzione digitale ha reso meno accessibili. Un prezioso collage di immagini che, parafrasando Godard, “scrivono il cinema attraverso il cinema”.

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Scopri le altre News di Riff

Annunciati i vincitori del pubblico per la XIX edizione del RIFF. Miglior Documentario Italiano è La Conversione di Giovanni Meola; Miglior Doc. Internazionale è il colombiano The Fog of Peace di Joel Stangle. Per i corti vince l’animazione con Something Borrowed di Michaela Wozny

Il Premio del Pubblico al Miglior Documentario Italiano va a La Conversione di Giovanni Meola presentato in anteprima al festival. Peppe, ex-galeotto con 30 anni di galera alle spalle, oggi drammaturgo e attore, e l’ex-manager Vincenzo, prima “gola profonda” del sistema bancario italiano, oggi consulente

Annunciati i vincitori della XIX edizione del RIFF. Miglior Lungometraggio è Havel di Slávek Horák, menzione speciale a La Fortaleza di Jorge Thielen-Armand, Miglior Corto Italiano è Zheng di Giacomo Sebastiani, Vince il Premio Rai Cinema Channel The Recycling Man di Carlo Ballauri.

La giuria chiamata a valutare i lavori finalisti è composta da: Fabrizio Lucci (direttore della fotografia), Anselma Dell’Olio (regista e critica), Lino Guanciale (attore), Lapo Gresleri (critico cinematografico), Patricia Mayorga Marcos (giornalista cilena), Ahmed Ejaz (giornalista Pakistano), Stefano Ratchev (musicista e compositore di colonne sonore