IL-DIRETTORE1

Annunciati i documentari italiani finalisti. Il miglior cinema indipendente in 10 opere in anteprima assoluta

Per tutti gli amanti del cinema è un’edizione da non perdere. 10 titoli per un viaggio nell’attualità e non solo, accompagnati dai più brillanti cineasti del panorama indipendente.

“A riveder le stelle” di Emanuele Caruso, prossimamente in uscita nei cinema, è ora disponibile solo per il pubblico del RIFF. Un cammino lungo 7 giorni con 5 viandanti d’eccezione tra i quali figura Maya Sansa.  Si prosegue con “La mia storia si perde e si confonde”, di Daniele Gaglianone (David di Donatello) & Imogen Kusch, ispirato da un racconto di Borges. Nel cast Dario Aita. “Cicliste per caso”, dell’ex cestista della nazionale Silvia Gottardi, narra di un’impresa epica al femminile tra i paesaggi mozzafiato della Great Divide. “Viaggio attraverso la Città Possibile” di Eugenio Corsetti & Emiliano Monaco ci riporta tra le strade della Capitale, per vederla come mai l’avete vista attraverso la lente di tre brillanti fotografi. E ancora, “Under the Skin – In Conversation with Anish Kapoor” (Best Director 2020 al FAFF); un affascinante ritratto del noto artista, firmato dall’originale Martina Margaux Cozzi. Il viaggio nell’arte continua con “Makarìa”, di Giulia Attanasio, che ci conduce tra le splendide terre del Salento, tra musica e tradizione, accompagnati da una straordinaria protagonista. Per gli amanti dell’attualità che scotta, “La Conversione” di Giovanni Meola, per scoprire il segreto che accomuna un ex-galeotto e un ex manager pentito del sistema bancario italiano. L’artista romana Patrizia Fregonese de Filippo si domanda “Che fine hanno fatto i sogni?” con un’opera tra passato e presente che coinvolge giovani e nomi storici come Liliana Cavani. La storia è ancora protagonista con “Il Direttore”, di Maurizio Orlandi, che ci riporta agli anni ‘70, narrati attraverso una prospettiva intima.  Infine, un omaggio visionario al cinema e a tutto il suo pubblico con “Cinematti – Una storia folle”, di Giacomo R. Bartocci, sulla più grande web community italiana.

Buona visione!

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Scopri le altre News di Riff

Annunciati i vincitori del pubblico per la XIX edizione del RIFF. Miglior Documentario Italiano è La Conversione di Giovanni Meola; Miglior Doc. Internazionale è il colombiano The Fog of Peace di Joel Stangle. Per i corti vince l’animazione con Something Borrowed di Michaela Wozny

Il Premio del Pubblico al Miglior Documentario Italiano va a La Conversione di Giovanni Meola presentato in anteprima al festival. Peppe, ex-galeotto con 30 anni di galera alle spalle, oggi drammaturgo e attore, e l’ex-manager Vincenzo, prima “gola profonda” del sistema bancario italiano, oggi consulente

Annunciati i vincitori della XIX edizione del RIFF. Miglior Lungometraggio è Havel di Slávek Horák, menzione speciale a La Fortaleza di Jorge Thielen-Armand, Miglior Corto Italiano è Zheng di Giacomo Sebastiani, Vince il Premio Rai Cinema Channel The Recycling Man di Carlo Ballauri.

La giuria chiamata a valutare i lavori finalisti è composta da: Fabrizio Lucci (direttore della fotografia), Anselma Dell’Olio (regista e critica), Lino Guanciale (attore), Lapo Gresleri (critico cinematografico), Patricia Mayorga Marcos (giornalista cilena), Ahmed Ejaz (giornalista Pakistano), Stefano Ratchev (musicista e compositore di colonne sonore