FOCUS LGBT
Dopo il successo riscosso lo scorso anno dalla rassegna sul Teddy Award, il premio a tematica queer della Berlinale, il RIFF propone quest’anno una nuova rassegna a tematica LGBT. Questa scelta dimostra la volontà di indagare come questo tema viene affrontato nel cinema e vuole assecondare la predilezione assai diffusa per la tematica per l’elevatissimo numero di opere lgbt arrivate al Festival. Inoltre è importante evidenziare un tema che nel nostro Paese suscita accesi dibattiti politici e sociali.
Crossing Rachmaninoff di Rebecca Tansley, New Zealand, 2015, 99’
Margarita With A Straw di Shonali Bose, Nilesh Maniyar, India, 2014, 100’
Jonathan di Piotr J. Lewandowski, Germany, 2016, 99’
You’ll Never Be Alone (Nunca vas a estar solo) di Alex Anwandter, Chile, 2016, 81’
Darkness (Il buio) di Giuliano Oppes, Italy, 2016, 20’
Giro di giostra di Massimiliano Davoli, Italy, 2016, 16’
Nessuno mi aveva mai aperto la porta di Valeria Tomasulo, Italy, 2016, 29’
Victoria Rosana Maite di Pamela Hurtado, Iñaki Velásquez, Chile, 2016, 31’
Questa rassegna ha poi un’importanza fondamentale in generale e soprattutto in questo periodo storico, poiché contribuisce a creare maggiore informazione su dinamiche che in alcune parti del mondo sono ancora punite con la pena di morte e che nel nostro Paese costituiscono argomento di profondo dibattito politico e sociale.

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Scopri le altre News di Riff

Programma del 2 dicembre al RIFF: per i doc. italiani “Cicliste per caso” un on the road in bici attraverso gli USA, da Napoli “La Conversione” sulla vita dopo la prigione e per i lungometraggi “La Fortaleza” una finestra sul Venezuela. Spazio ai corti d’animazione provenienti da tutto il mondo

Alle 16.20 per i corti internazionali OsWorld di Philip Hedegaard Povlsen (Danimarca), Quand elle tombe di R. Dumont & A. Ryan (Canada), The handyman di Nicholas Clifford (Australia), The invasion di Dante Rustav (Uzbekistan), The woman of the house di Felipe Espinosa (Spagna). Alle 18.20

Anticipiamo il programma del 1° dicembre con l’atteso doc in anteprima italiana “Darryl Jones: In the Blood” sul celebre bassista dei Rolling Stones per i lungometraggi in concorso “Fires In The Dark” in anteprima europea. alle 22 il consueto appuntamento con i corti made in italy.

Quinta giornata per il RIFF, Rome Independent Film Festival online sumymovies.it. Martedì 1° Dicembre giornata ricca di proiezioni.  Alle ore 18.20 per i documentari internazionali in concorso ci sarà Darryl Jones: In the Blood di Eric Hamburg, USA, 2020, che sarà presentato in anteprima italiana.

Inizio settimana con un programma mozzafiato con “A riveder le stelle” sull’area wilderness più grande d’Europa “La Val Grande” e il film “Angie: Lost Girls” in anteprima europea su una cruda storia di adolescenti che vede alla regia Julia Verdin, produttrice di oltre 30 film tra cui Il Mercante di Venezia con Al Pacino.

Lunedì 30 novembre alle 16.20 spazio ai corti internazionali in concorso con Consolation di Lina Asadullina (Russia), Decent People di Maxime Roy (Francia), El remanso di Sebastián Valencia Muñoz (Colombia) e How Scared She Was di Alessandro Repetti (Regno Unito/Italia). Alle 18.20 per i doc.