SPQL

Famolo Strano. Un edizione strana quella che il RIFF battezzerà la sera del 26 novembre, non poteva che partire così; con SPQL di francesco Cabras, la celebrazione ironica di questo folle periodo, e delle clausure cui ha costretto milioni di italiani.

Lo stesso RIFF, da che avrebbe dovuto accasarsi come ogni anno nella cornice del Nuovo Cinema Aquila, ripiegherà sullo streaming per portare nelle case degli spettatori il proprio catalogo; ad aprire le danze ci penserà allora l’evento SPQL – Sonetti Pandemici Quantunquemente Lodoliani, come a sancire l’importanza della pandemia nella cornice creativa di questo periodo.

L’evento, organizzato dal regista Francesco Cabras in collaborazione con scrittore romano Marco Lodoli, racconterà a modo suo questi lunghi mesi, attraverso un pogetto multimediale a tema. Una trentina di artisti, cantanti, registi e autori di vario genere interverranno dunque indirettamente con il loro piccolo contributo; video di vario genere, dai pochi secondi ai diversi minuti, dedicati alla recitazione di alcuni versi inediti dello scrittore. Trenta artisti, altrettante clip, per una vera e propria istallazione “a distanza”; la presentazione avverrà ovviamente online, alla presenza di alcuni dei nomi coinvolti. A dare il loro contributo, vecchie conoscenze dello spettacolo italiano come Ascanio Celestini, Sabrina Impacciatore, Ardecore, Carl Brave, Enrico Montesano, Simona Marchini, Giorgio Tirabassi, e molti altri; appuntamento alle 21 del 26 novembre, ovviamente su MyMovies, per l’apertura ufficiale della manifestazione.

Interverranno:

Marco Lodoli, poeta e scrittore, autore dei sonetti

Francesco Cabras, regista, autore e curatore del progetto SPQL sui sonetti di Lodoli

Lavinia Mancusi, musicista e interprete, che canterà in diretta con chitarra e voce due sonetti

Giampaolo Felici, musicista e interprete

Alessandra Bruno, regista e autrice

Paolo Rocca, musicista e studioso di musica popolare (in veste di moderatore e intervistatore)

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Scopri le altre News di Riff

Annunciati i vincitori del pubblico per la XIX edizione del RIFF. Miglior Documentario Italiano è La Conversione di Giovanni Meola; Miglior Doc. Internazionale è il colombiano The Fog of Peace di Joel Stangle. Per i corti vince l’animazione con Something Borrowed di Michaela Wozny

Il Premio del Pubblico al Miglior Documentario Italiano va a La Conversione di Giovanni Meola presentato in anteprima al festival. Peppe, ex-galeotto con 30 anni di galera alle spalle, oggi drammaturgo e attore, e l’ex-manager Vincenzo, prima “gola profonda” del sistema bancario italiano, oggi consulente

Annunciati i vincitori della XIX edizione del RIFF. Miglior Lungometraggio è Havel di Slávek Horák, menzione speciale a La Fortaleza di Jorge Thielen-Armand, Miglior Corto Italiano è Zheng di Giacomo Sebastiani, Vince il Premio Rai Cinema Channel The Recycling Man di Carlo Ballauri.

La giuria chiamata a valutare i lavori finalisti è composta da: Fabrizio Lucci (direttore della fotografia), Anselma Dell’Olio (regista e critica), Lino Guanciale (attore), Lapo Gresleri (critico cinematografico), Patricia Mayorga Marcos (giornalista cilena), Ahmed Ejaz (giornalista Pakistano), Stefano Ratchev (musicista e compositore di colonne sonore