Havel_Still_3

Al via dal 27 novembre la programmazione dei film in concorso su MYmovies.it, inaugura il focus sul cinema ceco “Havel” su Václav Havel, drammaturgo, dissidente e presidente ceco. Per i doc. internazionali “Opeka” su un ex calciatore argentino ora missionario “Women According to Men” su emancipazione e salvezza delle donne iraniane viste da cineasti iraniani uomini.

Si parte con la programmazione dei film in concorso venerdì 27 novembre alle 16.20 con il primo dei documentari internazionali in concorso: Opeka di Cam Cowan (Usa) in anteprima italiana. Pedro Opeka ha rifiutato l’opportunità di giocare a calcio a livello professionistico nella sua nativa Buenos Aires. Ha scelto invece di diventare missionario e vivere in uno dei paesi più poveri del mondo. Figlio di un muratore, ha convinto le famiglie indigenti che vivono nella più grande discarica del Madagascar che avrebbe potuto insegnare loro come costruire le proprie case e, nel frattempo, anche la loro dignità.

Alle 18.20 il doc. Women According to Men di Saeed Nouri (Iran) in anteprima italiana. Il posto di una donna, visto attraverso gli occhi di cineasti iraniani uomini, dal debutto nel 1932 della produzione cinematografica iraniana, alla rivoluzione del 1979. La famiglia patriarcale, l’amore e l’inganno, le gravidanze indesiderate e gli aborti, i matrimoni combinati e la poligamia fanno da sfondo ai temi centrali del film: educazione, emancipazione e salvezza delle donne iraniane, divise tra tradizione e modernità.

Alle 20.20 inaugura il focus dedicato al cinema ceco, organizzato in collaborazione con il FAMU, l’Ambasciata della Repubblica Ceca di Roma e il Czech Film Center, Havel di Slávek Horák (Repubblica Ceca) in anteprima italiana. Film dedicato alla vita di Václav Havel, eminente drammaturgo, dissidente e presidente ceco. La pellicola, che si svolge tra gli anni 1968 e 1989, ripercorre i momenti chiave dell’impegno di Havel contro il regime comunista, il periodo della prigionia, la stesura di Charta 77 e la lotta per i diritti umani e per l’affermazione della verità.

Alle 22.20 chiude la prima giornata il doc. Everything That Could Have Been di Trond Kvig Andreassen (Norvegia) in anteprima italiana. Dopo essere stato in tour per anni, una delle più grandi pop star della Norvegia fugge nella solitudine, cercando di ritrovare la gioia nella sua musica. Nella tranquillità delle Isole Lofoten, mentre emergono le domande più grandi della vita, si prepara a registrare il suo album a Los Angeles. Un film di formazione sulle aspettative, la fuga e l’autorealizzazione.

La giornata di festival inizierà alle 18.00 con la masterclass di Valerio Bispuri dal titolo Dentro una storia. Che rientra negli eventi speciali del festival.

Il lavoro del fotoreporter oggi e il rapporto che ha con le storie che racconta. La masterclass è rivolta a tutti gli appassionati di fotografia di reportage e a chi intende confrontarsi più da vicino con il lavoro del fotoreporter. Cosa vuol dire essere un fotoreporter oggi? Come è cambiata l’idea di fotografia negli ultimi decenni? Quanto l’estetica prevale sul racconto della realtà nel reportage contemporaneo? Come si entra in profondità in una storia? Queste e altre le domande a cui proverà a rispondere Bispuri. La masterclass ha la durata di due ore nelle quali oltre al racconto da parte dell’autore saranno proiettate fotografie e piccoli documentari.

Condividi questo post con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Scopri le altre News di Riff

Annunciati i vincitori del pubblico per la XIX edizione del RIFF. Miglior Documentario Italiano è La Conversione di Giovanni Meola; Miglior Doc. Internazionale è il colombiano The Fog of Peace di Joel Stangle. Per i corti vince l’animazione con Something Borrowed di Michaela Wozny

Il Premio del Pubblico al Miglior Documentario Italiano va a La Conversione di Giovanni Meola presentato in anteprima al festival. Peppe, ex-galeotto con 30 anni di galera alle spalle, oggi drammaturgo e attore, e l’ex-manager Vincenzo, prima “gola profonda” del sistema bancario italiano, oggi consulente

Annunciati i vincitori della XIX edizione del RIFF. Miglior Lungometraggio è Havel di Slávek Horák, menzione speciale a La Fortaleza di Jorge Thielen-Armand, Miglior Corto Italiano è Zheng di Giacomo Sebastiani, Vince il Premio Rai Cinema Channel The Recycling Man di Carlo Ballauri.

La giuria chiamata a valutare i lavori finalisti è composta da: Fabrizio Lucci (direttore della fotografia), Anselma Dell’Olio (regista e critica), Lino Guanciale (attore), Lapo Gresleri (critico cinematografico), Patricia Mayorga Marcos (giornalista cilena), Ahmed Ejaz (giornalista Pakistano), Stefano Ratchev (musicista e compositore di colonne sonore